Lavoro: quanto è importante sapersi relazionare?

All’interno dell’ambiente lavorativo, forse ancora di più che nella vita personale di tutti i giorni, sono molti i processi che richiedono l’integrazione fra persone con valori e competenze diverse, e questo rende manifesta la necessità di saper comunicare e relazionarsi con gli altri.

Vista la natura delle aziende, di solito abbastanza variegata dal punto di vista dei collaboratori, è naturale che alcune persone riescano ad adattarsi più facilmente a chi le circonda, mentre altre devono faticare per interagire con il prossimo in maniera positiva. Ed è sempre necessario porre una grande attenzione perché gli scambi interpersonali sono fragili e richiedono cura da parte di tutte le persone coinvolte.
Di solito, le persone capaci di creare e preservare rapporti positivi sul lavoro godono di carriere di maggior successo e di vite personali più appaganti. E non esiste alcun segreto, semplicemente, per ottenere il massimo dai propri collaboratori e colleghi, è necessario conquistare la loro fiducia e saperli coinvolgere e motivare.
Certamente non è affatto un cosa semplice. Infatti, da un sondaggio condotto dall’Agenzia europea per la sicurezza e la salute sul lavoro, 6 persone su 10 ritengono che lo stress sul lavoro sia causato da relazioni conflittuali, oltre che da riorganizzazioni aziendali e, più in generale, precarietà lavorativa, comunicazione inefficace e richieste contrastanti, mancanza di sostegno da parte dei colleghi o dei superiori, e gestione inadeguata dei cambiamenti organizzativi.
Saper gestire le relazioni è, quindi, un’importante chiave per il benessere lavorativo e anche personale.
Ma come poter essere vincente nei rapporti lavorativi?

tti blog

Ecco a voi 10 tecniche per migliorarsi:

  1. Creare e conservare una molteplicità di rapporti sani e trasparenti;
  2. Guardare ai rapporti, non alle caratteristiche personali;
  3. Applicare la teoria della reciproca gratificazione, per dare all’altro soddisfazione personale esattamente come la gradiremmo noi;
  4. Farsi passare le piccole irritazioni, al fine di mantenere un ambiente quanto più armonico;
  5. Riconoscere i segnali di allarme, per essere sempre pronti e non farci cogliere impreparati;
  6. Scegliere con attenzione i consiglieri;
  7. Prendere le distanze da un conflitto insolubile, perché non porterà a nulla di costruttivo;
  8. Sapere quando scendere a compromessi, dato che fare un passo indietro, in determinati casi, è una scelta intelligente;
  9. Disporre di un piano B;
  10. Proteggere il proprio atteggiamento: va bene essere flessibili, ma non spersonalizzati.

Un elemento importantissimo da considerare, a questo punto, è che la vita d’ufficio può funzionare veramente bene quando si conoscono le persone con le quali si ha a che fare. Questo perché, consapevoli di chi abbiamo di fronte, possiamo adattare il nostro approccio nella maniera migliore, motivare attraverso le giuste parole, comprendere atteggiamenti o reazioni che sembrano non avere apparentemente un senso.

Per una visione precisa delle personalità di ogni collaboratore, esistono vari strumenti di analisi tra i quali spiccano quelli di TTI SUCCESS INSIGHTS®. Basandosi su studi scientifici, essi offrono una valutazione certa dei comportamenti e delle motivazioni delle persone all’interno dell’azienda.
TTI SUCCESS INSIGHTS® non si limita a studiare i comportamenti e la generale condizione umana, ma si focalizza sull’aiutare le persone a diventare più sicure di loro, a valorizzare ancora di più i loro talenti, a migliorare le performance e la produttività.

Articoli consigliati

TTI SUCCESS INSIGHTS® è un insieme di strumenti capaci di analizzare comportamenti e valori dell’individuo. Si basa su teorie psicologiche consolidate ed è in grado di riconoscere e incrementare il potenziale della persona in qualsiasi tipo di business.