Formazione in azienda: pillole di leadership

Si sente spesso parlare di leadership, ma ci siamo mai chiesti come svilupparla al meglio?

Ecco di seguito 10 consigli da seguire per aumentare la nostra leadership.

  • Guidare attraverso esempi.
    Il leader deve dare l’esempio pratico e non solo teorizzare. Se si desiderano collaboratori puntuali, allora è necessario arrivare per primi. Se la professionalità è una priorità, assicuriamoci di essere adeguati al contesto e di trattare con gentilezza tutti coloro che lavorano con noi.
  • Essere umili.
    C’è differenza tra leader e capo. Nonostante siano entrambi ruoli che richiedono responsabilità, il leader condivide il proprio palcoscenico e si sente a suo agio nel dare credito agli altri. Essere umili richiede più confidenza che godersi la gloria. I colleghi apprezzeranno, così come i clienti.
  • Comunicare con efficacia.
    Una comunicazione efficace è un imperativo, sia in ufficio che nella vita. I grandi leader si assicurano di essere ascoltati e compresi, ma riconoscono anche l’importanza dell’ascolto che loro stessi concedono agli altri. La comunicazione è una strada a doppia corsia, e solo sfruttandola al meglio la nostra azienda potrà svilupparsi.
  • Rendere produttivi i meeting.
    Lo sentiamo dire da sempre, il tempo è denaro. Di conseguenza è bene limitare qualsiasi elemento di distrazione, che fa perdere tempo durante le riunioni. Se confidiamo sul fatto che il nostro team farà un buon lavoro, non ci sarà bisogno di supervisionarlo a stretto controllo e le riunioni potranno andare avanti serenamente.
  • Essere consapevoli dei propri limiti.
    Anche i leader più gentili e premurosi hanno dei limiti. Definiamo i nostri confini e rispettiamoli. Conoscere ciò che non riusciamo a sopportare, può risparmiare molta frustrazione a tutti gli altri in ufficio, perché avere chiari i propri limiti significa evitare confusione e incomprensioni.
  • Trovare un mentore.
    Nessun uomo è un’isola, si dice. I migliori leader riconoscono di avere bisogno di aiuto e sanno a chi rivolgersi. Nessuno può sapere tutto, quindi trovare qualcuno di cui potersi fidare quando le cose si complicano può davvero fare la differenza.
  • Essere consapevoli delle nostre emozioni.
    Mentre molte persone consigliano di mantenere le emozioni separate dagli affari, gli affari riguardano essenzialmente le relazioni tra le persone. Per rendere queste relazioni più durature, dobbiamo essere emotivamente intelligenti (vuoi approfondire il concetto di intelligenza emotiva? Clicca qui!). Quando usiamo la nostra testa per fare ciò che consideriamo migliore per la nostra azienda, non dobbiamo dimenticare di avere anche un cuore.
  • Fare attenzione alle insidie più comuni della leadership.
    Tutti noi facciamo degli errori, ma alcuni di questi si potrebbero evitare. Essere consapevoli degli errori più comuni è il primo passo verso il non ripeterli.
  • Imparare dal passato.
    Per riprendere ancora una volta una citazione, coloro che non imparano dal passato sono destinati a ripetere gli stessi errori. La storia, più recente o meno, è ricca di modelli d’impresa affermati e stimati ma anche di molti fallimenti. Si può iniziare ad imparare anche dalle persone più vicine a noi.
  • Non smettere mai di migliorare.
    I leader di successo –persone di successo, quindi- imparano costantemente e sono alla continua ricerca del miglioramento. Assicuriamoci di mantenere la nostra mente aperta a nuove idee e possibilità.

 

 

Articoli consigliati

Presente sul mercato da più di 35 anni, TTI SUCCESS INSIGHTS® sviluppa e distribuisce strumenti di eccellenza, di comprovata validità e attendibilità scientifica, in grado di supportare liberi professionisti così come realtà aziendali più complesse nello sviluppo del potenziale della singola persona e dei team.